Per noi il corpo è molto più di uno strumento o di un mezzo;è la nostra espressione nel mondo, la forma visiva delle nostre intenzioni. Non è all'oggetto fisico che il corpo può essere paragonato, quanto piuttosto all'opera d'arte. MAURICE MERLEAU-PONTY

Spinoza: le Passioni

Secondo Spinoza, ogni singolo corpo si sforza continuamente (questo sforzo è chiamato conatus) nel perseverare nel proprio essere. In questa lotta per il mantenimento della sua potenza e stabilità, il corpo si deve scontrare con gli altri corpi che, a loro volta, cercano in tutti i modi di mantenere la propria. Risulta quindi evidente che da tale scontro ogni corpo subirà degli effetti, siano essi positivi o negativi, dovuti al contatto avuto con gli altri.

Quando l’uomo avverte gli effetti provocati su di lui dall’interazione con l’altro, egli entra a contatto con ciò che comunemente definiamo “passioni”. Ma quali sono le principali passioni? Per Spinoza esse sono la gioia e la tristezza. È chiaro che un uomo prova gioia quando incrementa la propria potenza, grazie all’interazione con l’altro, mentre proverà tristezza quando vedrà diminuire la propria potenza, il proprio status. Ma come possiamo definire le passioni? Secondo il filosofo olandese non sono altro che delle idee confuse che il nostro corpo subisce passivamente. Noi uomini, tuttavia, non ci limitiamo solo a subirle irrazionalmente, ma, ogni qualvolta esse si presentano al nostro corpo, ce ne facciamo anche un’idea. Sarebbe impossibile per noi subirne gli effetti senza provare almeno a comprenderne il senso. A questo punto Spinoza sostiene che poiché pensiamo di conoscere le cose basandoci solamente sugli effetti che gli altri corpi sortiscono sul nostro, allora ogni nostra conoscenza che scaturisce da ciò è priva di oggettività. Non è altro che una conoscenza composta da tante immagini confuse, come ad esempio le nostre associazioni mentali, la memoria e l’esperienza vissuta, frutto quindi di idee incomplete che derivano dalla nostra limitata percezione soggettiva. Le passioni quindi scaturiscono da idee inadeguate. Ma attenzione! Con questo Spinoza non asserisce che le passioni sono un male assoluto o un terribile peccato che commette l’uomo; al contrario, egli ritiene che le passioni siano del tutto naturali nell’ambito della nostra esistenza terrena. In amore spesso ci si chiede come possa essere sconfitta una grande passione per una persona: Spinoza risponde che non si può distruggere una passione, se non la si sostituisce con un’altra più potente. L’uomo ragionevole dovrebbe comprendere che le passioni si inseriscono in quel progetto necessario del mondo, il quale prevede che l’uomo sia schiavo di queste forze affascinanti e pericolose. I filosofi che sostengono che le passioni siano dei vizi che commette l’uomo, ignorano che l’essere umano non ha alcun potere su di esse, proprio perché derivano dalla grande legge che detta la natura. Al cospetto di idee inadeguate, la mente umana è costretta solo a subire passivamente gli effetti prodotti dalle cose esterne ad essa. Le passioni rendono impotente l’uomo perché gli impediscono di moderare e reprimere gli affetti. Il saggio , quindi, è proprio colui il quale accetta impavido e sereno le leggi necessarie della natura alle quali non può opporre alcuna resistenza. La potenza umana è molto limitata e infinitamente superata dalla potenza delle cause esterne. Per questo noi non possiamo adattare al nostro uso le cose che sono al di fuori di noi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...