Per noi il corpo è molto più di uno strumento o di un mezzo;è la nostra espressione nel mondo, la forma visiva delle nostre intenzioni. Non è all'oggetto fisico che il corpo può essere paragonato, quanto piuttosto all'opera d'arte. MAURICE MERLEAU-PONTY

Jung contro Freud: i concetti fondamentali

freudLa psicanalisi si sviluppa contemporaneamente in due continenti: Europa ed America. Freud ne è il vero scopritore e fondatore. Inizialmente praticò l’ipnosi, ma poi scopri’ che con questo metodo i sintomi, pur cessando per un certo periodo di tempo, riapparivano dato che il paziente non era cosciente. Quindi Freud pensò di far ricordare davvero il momento che aveva causato il sintomo al paziente, introducendo la psicanalisi. Inizialmente Freud partì dal metodo catartico che consisteva nel provocare una scarica emotiva in grado di liberare il paziente dai suoi disturbi, ma poi arrivo’ alla scoperta che la causa della nevrosi consisteva nel conflitto tra forze psichiche inconsce e che i disturbi non derivavano dagli organi, ma dalla psiche. Fu proprio la scoperta dello inconscio che segno’ la nascita della psicanalisi. All’inizio la psicanalisi suscito’ molti pregiudizi in quanto Freud aveva sottolineato il fattore sessuale. Tra i pregiudizi più’ comuni ci furono:

· La psicanalisi aveva dato troppa importanza al sesso.

· La psicanalisi venne paragonata ad un metodo di suggestione che fornisce al paziente un sistema di teorie e che lo costringe ad accettarequalcosa che egli stesso non vede.

Molti psicanalisti in passato hanno lavorato con terapie suggestive che pero’ hanno in seguito rifiutato. La psicanalisi infatti cercava di fare uscire il paziente da un ruolo passivo e di metterlo in grado di condurre un’esistenza autonoma. Lo psicanalista non doveva imporre interpretazioni, ma doveva condurre il paziente a comprendere se stesso; doveva ascoltare i conflitti ed i problemi coscienti e tenerne conto, ma non per esaudire il desiderio del paziente dandogli consigli ed indicazioni.Infatti la Psicanalisi non doveva risolvere i problemi di un nevrotico con consigli o con il ragionamento cosciente. I pazienti desideravano un consiglio autoritario solo per poter allontanare da se stessi le responsabilità’; ma la psicanalisi cercava di controllare i disturbi della psiche partendo dallo inconscio e non dalla coscienza. Comunque, il trattamento cominciava lo stesso dai contenuti della coscienza attraverso l’anamnesi. L’analista cercava di portare alla luce l’inconscio attraverso il metodo delle associazioni libere,introdotto da Freud, che consisteva nel rilassamento del paziente in modo da renderlo in grado di abbandonarsi al corso dei propri pensieri, collegando le parole pronunciate con il materiale rimosso che si voleva riportare alla luce. Anche l’interpretazione dei sogni era importante: Freud riteneva infatti che i sogni fossero l’appagamento di un desiderio e che fossero il mezzo per accedere all’inconscio. Nel sogno distinse un CONTENUTO MANIFESTO che rappresentava la scena onirica cosi’ come era vissuta dal paziente;ed un CONTENUTO LATENTE che comprendeva l’insieme delle cause che danno luogo alla scena onirica. I sogni non manifestano direttamente i desideri, perche’ sono desideri non accettati dal paziente che passano sotto l’azione della “censura”. Quindi l’interpretazione consisteva proprio nel ripercorrere a ritroso il sogno dal contenuto manifesto a quello latente. Freud introdusse il PRINCIPIO DI CONDENSAZIONE che consisteva in una fusione di due immagini, cioè un immagine veniva sostituita ad un’altra; ed il PRINCIPIO DI SPOSTAMENTO, cioè quando veniva inserito un elemento in una scena completamente diversa. Per Jung i sogni avevano significati simbolici; ogni simbolo aveva più significati e non rappresentavano necessariamente realizzazioni infantili di desideri.Per Jung, quindi, il sogno era una rappresentazione della situazione psicologica attuale del paziente, ma anche una rappresentazione dei simboli della mitologia e delle religioni.Un altro punto di scontro tra Freud e Jung fu a proposito dell’inconscio.Infatti Freud parla di INCONSCIO PERSONALE che è identificato con il rimorso infantile.

jungPer Jung, invece, al di la’ dell’inconscio personale, esiste un INCONSCIO COLLETTIVO che unisce le immagini primordiali della psiche, frutto della ripetizione di situazioni identiche.L’inconscio collettivo è quindi la massa ereditaria spirituale che rappresenta lo sviluppo dell’umanità’, ma che rinasce ogni volta in ogni individuo.Jung inoltre afferma che la personalità dipende in buona parte dalla società e dal costume, i quali creano una vera e propria maschera, con la quale la gente rappresenta se stessa per convenienza. Dietro questa maschera si nasconde una vita privata; ma molto spesso accade che la gente creda di essere davvero ciò’ che rappresenta. Jung definisce ARCHETIPI le immagini primordiali, cioè’ forme universali, ereditarie ed uguali per tutti. Ma il mito non è l’archetipo stesso, bensì’ il prodotto del suo operare.L’archetipo è costellato da MANDALA che sono simboli del centro, della meta e del se’ come totalità’ psichica.I mandala sono rappresentati dal cerchio e dalla disposizione simmetrica del numero 4 e dei suoi multipli.I mandala non si diffusero solo in Oriente, ma anche in Europa durante il Medioevo; di solito erano rappresentati da Cristo nel centro con quattro evangelisti con i loro simboli ai quattro punti cardinali.I mandala sorgono in situazioni caratterizzate da disorientamenti e perplessità’.L’archetipo rappresenta lo schema ordinatore che si sovrappone al CAOS PSICHICO, cioè allo stato di disordine ed elevata conflittualità interiore in cui può presentarsi la personalità nevrotica.Lo scopo della psicanalisi era soprattutto superare le nevrosi e l’isteria.Inizialmente si pensava che questi sintomi derivavano da un trauma o da uno shock sessuale subito durante l’infanzia.Questa teoria fu pero’ abbandonata in quanto molti pazienti dichiaravano di aver subito un tale trauma, anche se questo non era vero.Freud allora scopri’ che la nevrosi derivava da una fissazione ad un determinato periodo dell’infanzia.Cerco’ anche di classificare le nevrosi in corrispondenza dello stadio dello sviluppo infantile in cui si era verificata la fissazione.Il nevrotico quindi dipendeva completamente dal suo passato infantile e tutte le difficoltà’ incontrate nella vita ed i conflitti morali derivavano dall’influenza di quel periodo.Secondo Freud, infatti, esistevano nell’inconscio numerose fantasie che risalivano all’infanzia e si raggruppavano intorno al COMPLESSO NUCLEARE che negli uomini prese il nome di COMPLESSO DI EDIPO e nelle donne di COMPLESSO DI ELETTRA.Il complesso di Edipo prese il nome dalla mitica vicenda del personaggio greco, destinato dal Fato a sposare la madre e ad uccidere il padre; mentre il complesso di Elettra deriva, appunto, dal mito di Elettra che si era vendicata della madre Clitennestra per l’uccisione del padre.Entrambi consistono nell’attaccamento libidico verso il genitore di sesso opposto ed in un atteggiamento ambivalente ( identificazione – gelosia ) verso il genitore dello stesso sesso. Questo complesso è proprio un insieme organizzato di ricordi, fantasie e pensieri carichi di significati emotivi di cui spesso il soggetto non è consapevole; è quindi una struttura portante della personalità, determinante per lo sviluppo dell’individuo.Ma, per Jung, Freud non era riuscito a spiegare la causa della fissazione.A volte la fissazione si genera proprio nell’ambito di questi complessi, ma altre volte derivava da un momento critico in cui nasceva l’esigenza di un nuovo atteggiamento psicologico, cioè’ di un nuovo adattamento.Quindi per Jung la nevrosi non andava attribuita solo ad una predisposizione della prima infanzia, ma anche a cause manifestatesi nel presente.Inoltre Jung voleva liberare la psicanalisi dalla concezione esclusivamente sessuale.Infatti Freud aveva cercato di conciliare il metodo delle psicanalisi con la sua teoria sessuale a cui Jung assegnò un valore dogmatico, perchè secondo lui Freud non aveva dato nessuna spiegazione o dimostrazione.Fu proprio questo che porto’ alla rottura tra Freud e Jung, perché’ per quest’ultimo dogma e scienza erano inconciliabili, in quanto il dogma aveva solo valore religioso perché’ rappresentava un punto di vista assoluto; mentre la scienza per progredire aveva bisogno del dubbio.Jung sostituì’ la concezione freudiana sessuale con una CONCEZIONE ENERGETICA- SPIRITUALE.Infatti, secondo lui, tutti i fenomeni psicologici potevano essere considerati come manifestazione di energia, percepita soggettivamente come aspirazione e desiderio.Questa energia prese il nome di LIBIDO che può’ essere paragonata allo SLANCIO VITALE di Bergson che consisteva in un’energia vitale che spinge la vita, ma che non esclude il libero arbitrio dell’uomo che può’ scegliere una strada da percorrere, lasciando pero’ dietro di se’ una scia di frammenti di vita.Infatti gli uomini sono dei dissipatori della vita, a differenza della natura che non è costretta a scegliere sviluppandosi su una linea. Lo slancio vitale è una forza inesauribile, è un’attività libera ed una forza creatrice spontanea che genera tutti i momenti del reale.Riprendendo il concetto di libido di Jung, abbiamo che la prima manifestazione di questa energia nel bambino consiste nella pulsione alla nutrizione; questo processo prosegue fino all’età adulta. Ma quando l’uomo incontra un ostacolo insormontabile che rinuncia a superare, la libido regredisce e viene meno al compito di adattamento.Quando un paziente presenta una convinzione morbosa od un atteggiamento esagerato, significa che in quel caso c’è troppa libido e che questa eccedenza è stata sottratta da qualche altro punto, dove di conseguenza c’è una carenza. Il compito della psicanalisi è proprio quello di individuare i punti in cui c’è carenza di libido ed equilibrare la sproporzione. Quando invece si riscontra in un paziente mancanza di libido, il compito della psicanalisi diventa quello di trovare il punto nascosto dove si cela la libido e che è inaccessibile fino al paziente: questo luogo è proprio l’inconscio. Per Freud la libido è un bisogno esclusivamente sessuale che si sviluppa sin dall’infanzia. Freud distingue, infatti, tre fasi:

· ORALE: che caratterizza i primi mesi di vita ed ha come zona erogena la bocca, connessa alla prima attività del bambino che consiste nel poppare.

· ANALE: che va da un anno e mezzo a tre anni ed ha come zona erogena l’ano; il bambino prova piacere nell’emettere le feci.

· GENITALE: ha come zona erogena l’apparato genitale e si articola in due sottofasi: quella “fallica” e quella “genitale in senso stretto”.

– Fase Fallica: la scoperta del pene costituisce oggetto di attrazione sia per il bambino sia per la bambina, entrambi i quali soffrono di un complesso di castrazione ( il primo perchè teme di essere evirato; la seconda perchè prova invidia).

– Fase Genitale in senso stretto: dove cominciano le vere e proprie pulsioni sessuali.

Anche Jung crede in una sessualità infantile, ma critica Freud perchè definisce sessuali anche fenomeni della prima infanzia, come il poppare. Infatti, secondo Jung, questi fenomeni hanno una natura biologica e funzione nutritiva. Jung distingue la vita umana in tre fasi:

· PRIMA FASE: che comprende i primi anni di vita e che viene definita “stadio presessuale” che corrisponde allo stadio di larva della farfalla ed è caratterizzato quasi esclusivamente dalla funzione della nutrizione e della crescita.

· SECONDA FASE: che comprende gli anni successivi all’infanzia fino alla pubertà e viene definita ” prepubertà”. Consiste nello sviluppo della sessualità.

· TERZA FASE: che comprende l’età adulta dalla pubertà in avanti e viene definita ” maturità”.

Il problema è definire il limite cronologico della prima fase. Si può dire che cade tra il terzoe il quinto anno di vita, ma è comunque soggetto a variazioni. In queste età il bambino raggiunge una certa indipendenza in quanto smette di poppare; inoltre comincia a definire la propria personalità e cominciano a svilupparsi i primi segni che possono essere definiti sessuali, anche se sono ancora caratterizzati dall’ingenuità e dall’innocenza infantile. Secondo Freud la sessualità si sviluppa nel bambino con minore intensità e quindi anche la libido è meno forte. Ma per Jung la libido è costituita da diverse energie che si manifestano con la stessa intensità sia nel bambino che nell’adulto, in quanto quello che cambia tra l’infanzia e la maturità non è l’intensità, ma la localizzazione della libido.La libido, quindi, nel bambino non provvede a funzioni sessuali, ma a funzioni di natura fisica come la nutrizione. Proprio per questo motivo non bisogna più definire la libido in senso sessuale, ma considerarla come “concezione energetica spirituale”. Lo stesso Freud si rese conto di aver dato una concezione troppo ristretta della libido quando si occupò del caso Schreber, un caso di “demenza precoce” (l’attuale schizofrenia) che consiste in un distacco sempre più marcato dalla realtà e nella comparsa di atteggiamenti imprevedibili ed eccentrici. Lo schizofrenico si rinchiude completamente in se stesso, costruendosi un mondo di allucinazioni e compromettendo ogni rapporto sociale. Proprio per questo il mondo onirico assume per il malato un valore di realtà maggiore della realtà esterna. Schreber, per esempio, aveva creato la rappresentazione di “fine del mondo”. La libido si è quindi ritirata dal mondo esterno per entrare nel mondo interiore dove deve creare una situazione equivalente alla realtà stessa. E la demenza precoce è proprio determinata dal ritiro della libido. Freud si chiese se questa schizofrenia derivasse solo dal ritiro dell’interesse erotico o dal ritiro dell’interesse in generale.Jung arriva alla conclusione che in questi malati non c’è traccia di adattamento psicologico e quindi non manca solo l’interesse erotico, ma l’interesse in generale, cioè l’adattamento alla realtà. Proprio per questo Jung parla di un’evoluzione della libido che dalla concezione sessuale passa ad essere definita come energia psichica. Questo si può notare dalla storia dell’evoluzione. Infatti il numero degli elementi produttivi che prima si basavano sulla casualità della fecondazione, si è andato riducendo a favore di una fecondazione e di una protezione della prole. Quindi l’energia destinata all’istinto di produzione si è trasformata in energia destinata all’attrazione e alla protezione della prole e quindi, all’amore stesso. Si è passati così da un’energia più caotica e casuale ad un’energia più organizzata, regolata e più selettiva. Nonostante questo, la libido non è concreta e conosciuta, ma può essere addirittura definita un’incognita, una pura ipotesi, un ‘entità convenzionale.La libido è quindi un’energia che si manifesta nel processo vitale e che viene percepita soggettivamente come aspirazione e desiderio. Nei molteplici fenomeni naturali, la libido si manifesta in diverse forme ed applicazioni. Nell’infanzia si sviluppa sotto forma di istinto di nutrizione che provvede alla crescita del corpo. Ed è proprio con la crescita del corpo che si aprono alla libido nuovi campi di applicazione. Tra questi abbiamo il campo della sessualità dove inizialmente si sviluppa sotto forma di istinto di procreazione e quindi come una libido “indifferenziata”. In seguito, però, si sviluppa una libido “differenziata” basata, come ho detto prima sull’attrazione e protezione della prole. Quindi la trasformazione della libido dalla forma originaria in attività secondaria avviene sotto forma di supplemento libidico, cioè la sessualità viene privata della sua determinazione originaria ed impiegata in nuova attività come il corteggiamento.Lo spostamento della libido dal campo sessuale a funzioni secondarie prende il nome di SUBLIMAZIONE. Per mezzo di questo fenomeno l’istinto viene appagato conservando intatta la propria energia. Sicuramente una parte della “libido di fame” si deve trasformare in “libido sessuale”. Questo trasferimento non avviene all’improvviso nella pubertà, ma si sviluppa gradualmente nell’infanzia.In questo stadio di transizione Jung distingue due epoche: l’epoca del succhiare e l’epoca dell’attività ritmica spostata.

· L’EPOCA DEL SUCCHIARE: rientra nell’ambito della funzione nutritiva, ma poi supera questa situazione perchè diventa un’attività ritmica con l’obiettivo finale del piacere e dell’appagamento senza l’assunzione del nutrimento.

· L’EPOCA DELL’ATTIVITA’ RITMICA SPOSTATA: prendono importanza nuovi organi, inizialmente la mano, poi la cute, fino ad arrivare alle zone sessuali.

Ogni volta che la libido incontra un ostacolo lungo il processo di adattamento alla realtà, si verifica un accumulo che provoca un maggiore sforzo per superare l’ostacolo. Ma se l’ostacolo sembra insormontabile e l’uomo rinuncia a superarlo, la libido regredisce e ricade in uno stadio antecedente e quindi più primitivo. Esempi di regressione si ritrovano nei casi di nevrosi.La libido, in questi casi, essendo distorta dal compito di adattamento, ritorna a controllare la funzione nutritiva, provocando disturbi digestivi.Oppure cerca di riattivare ricordi del lontano passato, tra i quali l’immagine dei genitori e lo stesso complesso edipico di cui ho parlato prima. La nevrosi quindi deriva dal fallimento della libido, cioè dal fallito tentativo di adattamento. Però, mentre una parte della libido rimane a uno stato preliminare, lo sviluppo dell’individuo prosegue; proprio per questo aumentano le discordanze tra una continua attività infantile e le esigenze dell’età più avanzata. Questo processo provoca la “dissociazione della personalità”, cioè il conflitto che è il vero e proprio fondamento della nevrosi.Maggiore è la libido impiegata in modo regressivo, maggiore è il conflitto. Tra le cose che avevano grande importanza nell’età infantile ci sono i genitori, ma Jung preferisce parlare di IMAGO del padre e della madre perchè nelle fantasie dei malati non compaiono più i veri genitori, ma immagini soggettive e spesso deformate.Se e quando l’ostacolo viene superato tutte queste fantasie infantili crollano.Comunque, sia per Freud che per Jung, la libido è ENERGIA, che può assumere diverse forme e può subire trasformazioni. La libido per Freud è energia sessuale , mentre per Jung, è energia spirituale. Secondo Fechner, uno psicologo e naturalista, un sistema continua a mutare finchè non raggiunge la stabilità. Inoltre afferma che una qualsiasi eccitazione psicofisica che supera la soglia della coscienza è investita dal piacere quando si avvicina alla stabilità, mentre è investita dal dolore quando se ne allontana. A questo psicologo si rifece lo stesso Freud che annunciò che lo scopo di un esistenza psicofisica e quindi dell’organismo consiste nel mantenere ad un basso livello la tensione, ed anche nell’eliminarla del tutto.Per Freud la libido può essere sublimata, cioè quando l’energia sessuale viene trasformata in altri tipi di energia, oppure può essere mantenuta ordinata secondo il principio di realtà cioè quando le pulsioni psichiche imparano a sostituire il principio di piacere con una sua modificazione, perchè il compito di evitare dispiacere si pone quasi nello stesso piano di quello del conseguimento del piacere. Quindi rinunciano al soddisfacimento immediato e , così “educate”, non si lasciano più dominare dal principio del piacere, ma dalla realtà circostante.La libido però, sempre secondo Freud, può anche realizzarsi assecondando disordinatamente e spontaneamente il “principio del piacere”, in quanto secondo lui lo scopo dell’uomo è il conseguimento del piacere e l’intera attività psichica è regolata da questo principio. Il piacere è legato alla diminuzione ed all’estinzione delle quantità di stimoli che operano nell’apparato psichico, mentre il dispiacere è legato ad un suo aumento, per quanto riguarda le pulsioni sessuali, queste operano per raggiungere il piacere. Anche le altre funzioni mirano allo stesso scopo, ma sono anche condizionate dalla necessità. Invece per Jung la libido può subire trasformazione ed elaborazioni simboliche disordinate attraverso le associazioni verbali che consistono nel far riferire tutti i pensieri che vengono in mente al paziente, senza discriminazioni o riserve, oppure attraverso i conflitti inconsci.La libido può subire anche trasformazioni ordinate attraverso gli archetipi dell’inconscio collettivo, che sono immagini primordiali appartenenti alla struttura ereditaria della psiche contenuta proprio nell’inconscio collettivo, che è formato da contenuti che rappresentano il deposito dei tipici modi di reagire dell’umanità, che non derivano da acquisizioni personali, ma dalla struttura ereditaria del cervello; oppure attraverso i Mandala, simboli del centro e del sè come totalità psichica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...