Per noi il corpo è molto più di uno strumento o di un mezzo;è la nostra espressione nel mondo, la forma visiva delle nostre intenzioni. Non è all'oggetto fisico che il corpo può essere paragonato, quanto piuttosto all'opera d'arte. MAURICE MERLEAU-PONTY

Cartesius di Rossellini

cartesius

Attratto sin da ragazzino dalla fisica e dalla matematica Cartesio asseconda i desideri del padre e studia diritto canonico e civile: ma la curiosità scientifica non si placa. Con dovizia di particolari, il film riporta puntualmente le vicende del Cartesio scienziato, dalle letture giovanili di Della Porta all’incontro col frate matematico  Mersenne e i suoi apparati, dalla soluzione del problema di matematica posto da Isaac Beeckman di Middelbourg, all’interpretazione della circolazione sanguigna.

Cartesio va tuttavia ben oltre l’osservazione di un fenomeno, il suo studio e la sua interpretazione. Agisce con l’intento di liberarsi dai pregiudizi, verificare fatti e opinioni e accogliere solo ciò di cui può avere certezza.

Ciò che gli interessa – e che più stimola Rossellini – è la ricerca di un metodo per conoscere. Come può esserlo anche il cinema: non a caso al Cartesio di Rossellini è stata data una lettura in chiave autobiografica: perché se Cartesio era alla ricerca di un metodo per acquisire la conoscenza, Rossellini cercava di acquisirne uno per divulgarne i frutti.

Il metodo utilizzato dal regista è inconfondibile: mostrare i fatti nella loro essenza, evitando le alterazioni indotte dall’esigenza di stupire e divertire propria dell’industria cinematografica. E poco importa se Cartesio può anche essere un personaggio antipatico e pigro, perché è intelligente e incarna l’avvento dell’approccio razionale alla conoscenza, aprendo le porte all’era moderna.

Cartesius è l’ultima delle biografie televisive di Rossellini: come nelle opere precedenti (tra cui Blaise Pascal e L’età di Cosimo de’ Medici) l’attenzione per i dialoghi e i dettagli è estrema, e richiede allo spettatore grande impegno e concentrazione nella visione.

Cartesio

Un film di Roberto Rossellini. Con Ugo Cardea, Annie Pauchie, Gabriele Banchero, Gianni Loffredo, Claude Berthy, Vernon Dobtcheff

Drammatico, durata 154 min. – Italia 1973.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...